Musei del Belgio

Bruggemuseum Museum

I gruppi Bruggemuseum insieme 12 località migliori storici a Bruges. Ciascuna delle 12 è un imponente edificio con collezioni impressionanti che racconta la storia della città di Bruges dal loro punto di vista unico. Bruggemuseum è un vero museo di storia della città.
Naturalmente, la maggior parte di queste posizioni anche diverse opere portuali d'arte che sono legati alla costruzione e la sua funzione specifica.

Groeningemuseum

Il Groeningemuseum ("Museo Groeninge") è il museo municipale d'arte della città di Bruges, in Belgio.
Le collezioni spaziano in sei secoli di arte fiamminga e belga, da Jan van Eyck a Marcel Broodthaers. Famosa in tutto il mondo è soprattutto la collezione dei Primitivi fiamminghi e importante è anche la collezione rinascimentale, barocca, nonché la selezione di opere dei secoli XVIII e XIX, fino al Simbolismo, l'Espressionismo e l'arte moderna.

Musée Royaux des Beaux-Arts de Belgique

Il Museo Reale di Belle Arti del Belgio (francese: Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique) è uno dei principali musei del Belgio. Si trova nella capitale, Brussels, nella zona chiamata Coudenberg. Il museo è composto da quattro differenti collezioni; due che occupano gli edifici del museo (Museo di arte antica e Museo di arte), due situati in altri edifici. I due musei indipendenti, il Museo Constantin Meunier e il Museo Antoine Wiertz sono più piccoli dei due principali e dedicati in particolare al Beglio.Il Museo ospita 20000 tra dipinti, disegni e sculture provenienti da tutto il mondo e di disparate epoche storiche dal XV secolo ad oggi. Vanto del Museo sono la collezione di dipinti fiamminghi, che comprende opere di Rogier van der Weyden, Pieter Bruegel il Vecchio, Robert Campin, Antoon van Dyck e Jacob Jordaens. A Rubens è dedicata un'intera sala, dove sono esposti venti capolavori dell'artista.

 

Paleis voor Schone Kunsten/Palais des Beaux-Arts

Palazzo delle Belle Arti, Bruxelles

Il Paleis voor Schone Kunsten ( olandese ) o Palais des Beaux-Arts ( francese ) è sede culturale in Bruxelles , Belgio . Spesso definito come "Bozar" o "PSK", la costruzione è stata completata nel 1928 e comprende spazi espositivi e sale conferenze, cinema e sale da concerto, che funge da sede della Orchestra Nazionale del Belgio .Dopo la prima guerra mondiale, il finanziamento è stato inizialmente negato per i piani del belga liberty dell'architetto Victor Horta (1861-1947) da parte del Parlamento belga. Con la fondazione della Société du Palais des Beaux-Arts nel 1922, il progetto è stato ripreso con alcune restrizioni: la città ha fornito una zona molto irregolare sul versante tra la più alta e la parte bassa della città. La facciata principale ha dovuto negozi casa. L'altezza è stata limitata a non compromettere il re 's vista di Bruxelles' orizzonte dal Palazzo Reale .Ci sono voluti più di dieci anni per completare il complesso che contiene una grande sala da concerto, una stanza, una stanza di musica da camera, aule, e una vasta galleria per esposizioni temporanee. Horta ha creato una splendida Art Deco capolavoro. E 'riuscito a mettere insieme questa serie di funzioni differenti, su una trama di edificio piuttosto piccola con condizioni restrittive utilizzano più di 8 livelli di costruzione, con una gran parte situata nel sottosuolo.Dal 2002, l'intuizione federale belga ha scelto il BOZAR marchio che ha sette dipartimenti artistici: Bozar Expo, Bozar Musica, Cinema Bozar, Bozar Danza, Teatro Bozar, Bozar Letteratura, Studi Bozar e Architettura Bozar. Il Bozar ospita il Orchestra Nazionale del Belgio , la Philharmonique / Philharmonische Société Vereniging che invita le maggiori orchestre del mondo e artisti a comparire al Boeuf Le Hall. Le finali del Concorso musicale Reine Elisabeth si svolgono anche lì. Fino a 10 mostre un anno sono organizzate a BOZAR. Mostre recenti sono Jeff Wall, Luc Tuymans, Frida Kahlo, Lucas Cranach, Gilbert e George, Wim Delvoye, veneziano e maestri fiamminghi, Non è solo rock'n'roll baby, e molto altro ancora.


Musei della Svezia

Il Nationalmuseum (o Museo Nazionale di Belle Arti) di Svezia

Il Nationalmuseum (o Museo Nazionale di Belle Arti) è la principale galleria d'arte svedese e si trova sulla penisola di Blasieholmen in centro a Stoccolma.Il museo può esporre un'importante collezione di opere d'arte grazie ai suoi due principali benefattori, Re Gustavo III di Svezia e Carl Gustaf Tessin. Venne fondato nel 1792 con il nome di Kungliga Museet (It. Museo Reale), ma l'edificio che lo ospita attualmente venne inaugurato nel 1866, quando l'istituzione prese il nome di Nationalmuseum.Il museo ospita circa mezzo milione di disegni dall'epoca medievale a quella contemporanea, una collezione di oggetti di porcellana, dipinti, sculture e anche opere d'arte moderna. Possiede anche una biblioteca d'arte, aperta sia agli studiosi che al pubblico.L'edificio, costruito tra il 1844 e il 1866 è ispirato all'architettura rinascimentale del Nord Italia. Il progetto fu opera dell'architetto tedesco Friedrich August Stüler, progettista anche del Neues Museum di Berlino. I suoi esterni relativamente compatti, fatta eccezione per l'ingresso principale, non suggeriscono al visitatore l'idea dei suoi ampi spazi interni, dominati dalla grande scalinata che conduce alle gallerie dei piani superiori. Il museo è stato ulteriormente ampliato nel 1961 per poter ospitare anche i laboratori, mentre il ristorante interno è stato creato nel 1996.

Moderna Museet

Il Moderna Museet è un museo statale situato sull'isola Skeppsholmen a Stoccolma, e custodisce opere d'arte moderna e contemporanea, con collezioni di pittura, scultura e fotografia.
Il museo fu fondato nel 1958, ospitato in ambienti più piccoli; poi per decisione del governo svedese, si stabilì di costruire un nuovo edificio, affidando il progetto, dopo un concorso internazionale, all'architetto spagnolo Rafael Moneo. La nuova sede fu inaugurata nel 1998, e dopo vari interventi di ristrutturazione e miglioramenti funzionali, è stata aperta definitivamente al pubblico 14 febbraio 2004.

Il museo dispone di uno spazio espositivo di 5000 m². Sono presenti opere di pittori e scultori delle correnti artistiche internazionali del Novecento, come Edvard Munch, Pablo Picasso, Salvador Dalí, Giorgio de Chirico, Alberto Giacometti, Henri Matisse, Marcel Duchamp, Louise Bourgeois, Carolee Schneemann. La pop art è rappresentata da opere di Jean Tinguely, Niki de Saint Phalle e Robert Rauschenberg..La sezione dedicata all'arte svedese espone opere di Öyvind Fahlström, Max Book e Rolf Hanson.Di rilievo è la collezione fotografica, con oltre 100000 opere.

Museo Vasa

Il Museo Vasa a Stoccolma, Svezia, si trova sull'isola di Djurgården ed espone l'unica nave XVII secolo rimasta intatta, la Regalskeppet Vasa (anche solo Vasa), un galeone svedese ornato in modo elaborato che affondò durante il suo viaggio inaugurale nel 1628.

Palazzo Rosendal

Il Palazzo Rosendal (svedese: Rosendals slott) è un padiglione reale svedese situato nell'isola di Djurgården, nel centro di Stoccolma. Venne costruito tra il 1823 e il 1827 per il Jean-Baptiste Jules Bernadotte, primo della Casata Bernadotte di Svezia, con il nome di Carlo XIV di Svezia. Venne costruito come luogo in cui rifugiarsi dalle formalità della vita di corte del Palazzo Reale di Stoccolma.Il Palazzo Rosendal attuale è stato progettato in gran parte da Fredrik Blom, uno dei principali architetti dell'epoca, che ricevette una commissione reale per progettare e costruire il palazzo dopo che l'edificio originale era stato distrutto da un incendio. Fredrik August Lidströmer, architetto di città di Stoccolma dal 1818 al 1824 era stato il principale architetto del Palazzo Rosendal originale. Dopo che venne distrutto da un incendio nel 1819, Lidströmer disegnò anche i i piani iniziali per il nuovo palazzo. Questi vennero adattati e ridisegnati da Fredrik Blom, che era stato un assistente di Jonas Lidströmer, padre di Fredrik August Lidströmer. Il padiglione della regina (svedese: Drottningpaviljongen)) e il Cottage della Guardia (svedese: Vaktstugan) sono completamente opera di Fredrik August Lidströmer.La creazione del Palazzo Rosendl nel 1820 segnò l'inizio dello sviluppo di Djurgården in una maestosa area residenziale. Alla morte di Oscar II nel 1907 i suoi eredi decisero di trasformare Palazzo Rosendal in un museo del periodo di Carlo XIV, rendendolo una testimonianza unica dello stile Impero in Svezia, noto anche come stile Karl Johan. Questo rimase popolare in Svezia anche dopo esser passato di moda in altre regioni europee.Il palazzo è conservato tutt'oggi come era all'epoca di Carlo XIV e nei mesi estivi viene aperto per visite guidate.