Musei della Svizzera

Museo d'arte contemporanea (Basilea)

Il Museo d’arte contemporanea di Basilea (tedesco: Museum für Gegenwartskunst) fu inaugurato nel 1980 come primo edificio espositivo pubblico in Europa dedicato esclusivamente alla produzione e alla pratica artistica contemporanea a partire dagli anni Sessanta. Oltre ai mezzi espressivi classici come la pittura o la plastica, esso ospita anche esempi di videoarte. Elementi di spicco della collezione sono le opere di Joseph Beuys, Bruce Nauman, Rosemarie Trockel, Jeff Wall e dell’arte americana contemporanea (Robert Gober, Elizabeth Peyton, Matthew Barney). Dal 2003 le opere della Fondazione Emanuel Hoffmann non esposte vengono conservate nello Schaulager di Muttenz.

Vitra Design Museum

Il Vitra Design Museum di Weil am Rhein, vicino a Basilea, si trova in un edificio progettato dall’architetto canadese Frank Gehry ed è uno dei più importanti musei di architettura e design industriale del mondo. Il museo ospita mostre temporanee e manifestazioni sull’architettura, sul design e sulla progettazione di mobili. Dal 1989 il produttore svizzero di mobili Vitra ha trasformato la propria area aziendale di Weil am Rhein (D) in un vero e proprio parco architettonico dove si possono ammirare esempi delle opere di Frank Gehry, Zaha Hadid, Nicolas Grimshaw, Alvaro Siza e Tadao Ando.

Kunsthaus di Zurigo

La Kunsthaus Zürich (in italiano Casa d'arte di Zurigo) si trova ad Heimplatz 1 a Zurigo, in Svizzera. È un museo di arte antica, arte moderna e arte contemporanea.
Il museo fu progettato da Karl Moser e Robert Curjel, e costruito nel 1910. Possiede collezioni significative di arte dal Medioevo al ventesimo secolo, con un particolare accento sull'arte svizzera. Mostre temporanee hanno luogo regolarmente.I pezzi più pregevoli della Kunsthaus Zürich sono i lavori di Edvard Munch e Alberto Giacometti. Sono rappresentati anche artisti svizzeri del calibro di Johann Heinrich Füssli, Ferdinand Hodler, o ancora Pipilotti Rist e Peter Fischli.I maggiori artisti che si possono ivi ammirare sono Eugène Delacroix, Gustave Courbet, Edouard Manet, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Georges-Pierre Seurat, Paul Signac, Paul Gauguin, Claude Monet, Vincent Van Gogh, Marc Chagall.Vanta inoltre opere di Pablo Picasso, Amedeo Modigliani, Giorgio De Chirico, Paul Klee e Georges Braque

Musei dell'Ungheria

Museo di Belle Arti (Budapest)

Il Museo di Belle Arti di Budapest (in ungherese Szépművészeti Múzeum) è ospitato in un monumentale palazzo sul lato occidentale della piazza degli Eroi (Hősök tere in ungherese), eretto in stile eclettico-neoclassico dagli architetti Albert Schickedanz e Fülöp Herzog all'inizio del Novecento. Al suo interno conserva una tra le più importante collezione di dipinti del mondo, con opere che percorrono tutto l'arco di tempo che va dal Medioevo al Novecento e tutte le principali scuole europee.

Galleria d'arte Műcsarnok

La galleria d'arte Műcsarnok è situata nella Piazza degli eroi di Budapest, di fronte al museo di belle arti.Qui si trova un ampio spazio espositivo, che ospita prevalentemente opere di pittori e scultori contemporanei. Questa galleria d'arte è ospitata in un imponente edificio neoclassico progettato da Fülöp Herzog e da Albert Schickedanz nel 1985, con un ampio portico a sei colonne.Il mosaico che raffigura Santo Stefano, il patrono delle belle arti, è un'aggiunta del 1938 completata nel 1941. Dietro il porticò c'è un trittico in affresco di Lajos Deák Ébner, lui stesso ha intitolato le tre parti rispettivamente L'inizio della scultura, Le origini delle arti e Le origini della pittura.

Museo d'arte applicata

Il museo d'arte applicata (in ungherese Magyar Iparművészeti Múzeum) di Budapest è situato in un palazzo neoclassico in Üllői út e progettato da Gyula Pártos e Ödön Lechner. Il museo fu aperto nel 1896 dall'imperatore Francesco Giuseppe per le celebrazioni del Millennio. L'esterno presenta elementi orientali e ceramiche Zsolnay, caratteristiche dell'opera di Lechner. Danneggiato nel 1945 e nel 1956, solo recentemente l'edificio ha recuperato l'originale bellezza.La collezione, fondata nel 1872, raccoglie molti esempi d'arte e oggetti di notevole fattura. Il museo ospita varie esposizioni temporanee su entrambi i piani dell'edificio. Quelle più grandi tendono a cambiare ogni anno, mentre quelle più piccole, nazionali e straniere, ogni mese. Tra le mostre recenti, quelle di più grande successo sono una sul vetro e una sul tempo e gli orologi. La biblioteca, del 1872, si trova al primo piano e contiene oltre 50.000 volumi.

Musei del Liechtenstein

Kunstmuseum Liechtenstein

Il Museo d'arte o Kunstmuseum Liechtenstein è un museo nazionale d'arte moderna e contemporanea con sede a Vaduz. Realizzato su progetto degli architetti svizzeri Morger, Degelo e Kerez, il moderno edificio museale è stato inaugurato nell'anno 2000. L'importante collezione d'arte moderna e contemporanea su scala internazionale è al contempo collezione d'arte dello stato del Liechtenstein.
Nel 1967 lo stato del Liechtenstein ha ricevuto in dono dieci dipinti, fatto che, l'anno successivo, ha condotto alla fondazione della collezione nazionale ovvero la Staatliche Kunstsammlung del Liechtenstein. Il primo conservatore della collezione è stato il Dott. Georg Malin, artista, storico e storico dell'arte originario del Liechtenstein. Ben presto egli ha saputo dare una definizione precisa alla collezione collocandola nell'ambito dell'arte moderna e contemporanea su scala internazionale.Il Museo d'arte Liechtenstein nella sua veste odierna lo si deve ad un gruppo di fondatori privati. Essi hanno condotto alla realizzazione del moderno edificio museale insieme al governo del principato di Liechtenstein e al Comune di Vaduz.Nell'agosto dell'anno 2000 l'edificio è stato consegnato al Liechtenstein quale dono per il nuovo millennio. Si è quindi istituita una fondazione di diritto pubblico ovvero la Fondazione del Museo d'arte Liechtenstein per la gestione e la direzione del Museo. Il 12 novembre 2000 è poi avvenuta l'inaugurazione del museo.Dal 1996 il Dott. Friedemann Malsch è direttore della collezione nazionale ovvero del Museo d'arte Liechtenstein.

Musei della Romania

Museo nazionale d'arte Rumeno

Il Museo Nazionale d'Arte Rumeno (in lingua romena Muzeul Naţional de Artă al României) si trova nell'ex palazzo Reale in piazza della Rivoluzione a Bucarest. Vi sono conservate importanti collezioni di arte medievale e moderna, sia di artisti rumeni che internazionali, questi ultimi un tempo collezionati dalla famiglia reale rumena.
Il palazzo risale al 1937. Il museo venne danneggiato durante la rivoluzione del 1989, venendo riaperto solo nel 2000. La parte medievale, con opere provenineti da monasteri ed istituzioni religiose soppressi o distrutti durante l'era Ceauşescu, fu riaperta solo nel 2002.
La collezione di arte rumena moderna comprende opere di scultori come Constantin Brâncuşi e Dimitrie Paciurea, o pittori come Theodor Aman, Nicolae Grigorescu, Theodor Pallady, Gheorghe Petraşcu e Gheorghe Tattarescu.La collezione internazionale vanta opere di Domenico Veneziano (Madonna del Roseto), El Greco, Tintoretto, Jan Brueghel il Vecchio, Peter Paul Rubens e Rembrandt, oltre ad alcuni importanti esempi di impressionismo, tra cui opere di Claude Monet e Alfred Sisley. Tra le opere più celebri della collezione il ritratto del cantante Farinelli di Jacopo Amigoni oppure il Cristo alla colonna di Alonso Cano.Due sale sono adibite alle mostre temporanee.