Musei di San Marino

Museo di stato di San Marino

Il Museo di Stato di San Marino è il museo statale della Repubblica di San Marino.Si trova presso il Palazzo Pergami Belluzzi, in Piazzetta Titano al numero civico 1 a Città di San Marino.Il Museo di Stato fa parte del comprensorio dei Musei di Stato sammarinesi, comprendente anche il Museo San Francesco, il Palazzo Pubblico, la Iª Torre (Castello della Guaita), la IIª Torre (Museo delle armi antiche) e la Galleria d'arte moderna e contemporanea.

Museo San Francesco

Il Museo di San Francesco è un museo statale della Repubblica di San Marino. Si trova nella Chiesa di San Francesco di San Marino
Il Museo occupa le logge contrapposte della Chiesa di San Francesco, è stato aperto al pubblico il 15 marzo 1966.

 

Prima loggia Nella prima loggia si trova un "Presepio e San Sebastiano" un affresco del quattrocento, statuette di San Marino e Sant'Antonio da Padova, anch'esse del'400; Poi vi sono delle croci perle processioni del '300-'400 e vari arredi sacri. Di rilievo una pantofola di Pio V (1566-1572). e il quadro "Crocifisso e San Francesco" del quattrocento, inoltre sono conservati una mitria vescovile di Marino Madroni e la sua pietra tombale, la lapide sepolcrale di frate Andrea, che diresse la costruzione della Chiesa di San Francesco e l'affresco "Adorazione dei Magi", che risale al quattrocento e la "Madonna e Santi Simone e Giuda", del seicento della scuola del Barocci.

 

Seconda loggia Nella seconda loggia si trova "Quattro Evangelisti ", di Antonio Circignani detto il Pomarancio, il quadro "Sant'Ignazio e San Francesco Saverio" della scuola di Guido Reni. Di rilievo la Madonna di Se­bastiano Conca (1680-1764) e anche "San Francesco d'Assisi che riceve le stimmate" del Guercino (1591-1666); « Circoncisione » di Federico Fiori, detto il Baroccio (c. 1526-1612) e altri quadri quattrocenteschi, nelle vicine stanzette a parte, è conservata una Madonna forse di Raffaello e un San Giovanni Battista di Giovanni Lanfranco (1582-1647); e "Astrologia", forse del Guercino.

Galleria di arte moderna e contemporanea (San Marino)

La Galleria di arte moderna e contemporanea di San Marino venne aperto nel 1956 con le Biennali di San Marino.Attualmente raccoglie circa 750 opere dai primi decenni del '900 ad oggi. Raccoglie dipinti, disegni, acquerelli, sculture, fotografie ricevute in varie modi dalla Repubblica di San Marino, spiccano i nomi di Renato Guttuso, Corrado Cagli, Emilio Vedova, Achille Perilli, Enzo Mari, Enzo Cucchi, Sandro Chia, Gian Marco Montesano e di Luigi Ontani. Inoltre raccoglie opere di artisti emergenti.

 

 

Museo delle armi antiche di San Marino

Il Museo delle armi antiche di San Marino si trova nella Seconda Torre, la Cesta o Fratta che raggiunge i 755 m sul Titano e ospita 2000 armi antiche nel primo e nel secondo piano della torre divisi in quattro stanze. Venne aperto nel 1956 grazie a una convenzione stipulata tra il collezionista sammarinese Giovanni Carlo Giorgetti. Oltre ad armi antiche raccoglie divise, armature, armi sperimentali e prototipi

Palazzo Pubblico (San Marino)

Il Palazzo Pubblico di San Marino, noto anche come palazzo del Governo, è il luogo nel quale si svolgono le cerimonie ufficiali della Repubblica di San Marino ed è sede dei principali organi istituzionali e amministrativi, quali i Capitani Reggenti, il Consiglio Grande e Generale, il Consiglio dei XII ed il Congresso di Stato.Si trova nella capitale dello Stato, Città di San Marino, situata sul monte Titano.
L'edificio si erge dove un tempo sorgeva la Domus Magna Comunis, ossia il vecchio palazzo, datato intorno alla fine del XIV secolo (1380-1392). Il vecchio palazzo, nonostante numerosi restauri, fu abbattuto verso la fine dell'Ottocento.Il nuovo Palazzo Pubblico, noto anche come Palazzo Governativo fu costruito tra gli anni 1884 e 1894 su progetto dell'architetto romano Francesco Azzurri, che lo disegnò nello stile severo e semplice dei palazzi comunali Duecento e del Trecento. La prima pietra fu posata il 17 maggio 1884 mentre la solenne inaugurazione avvenne il 30 settembre 1894. Oratore della cerimonia fu Giosuè Carducci, che nell'occasione pronunciò il discorso sulla libertà perpetua.Per i lavori in pietra fu impiegata manodopera locale, sotto la direzione del capomastro Giuseppe Reffi mentre per le decorazioni, gli arredi e i manufatti furono scelti artigiani forestieri.Il 30 settembre 1996 è stato ultimato l'intervento di restauro e ristrutturazione, diretto dall'architetto Gae Aulenti.

Prima Torre

La Rocca, conosciuta anche come Guaita o Prima Torre, è la maggiore nonché la più antica delle tre rocche che dominano la Città di San Marino.La parola Guaita, tuttora presente nel dialetto locale significa "fare la guardia" e deriva probabilmente dal tedesco "Weite" (spazio o largo).Dopo l'ultimo restauro del 1930, la Rocca è stata resa accessibile ai visitatori.Numerosi interventi di restauro e rinforzo modificarono la struttura della Torre (1475, 1481, 1502, 1549, 1615, 1623) tuttavia senza togliere la primitiva rozzezza della stessa.Il nucleo centrale della torre fu un posto di guardia e rifugio dei primi abitatori del Monte Titano e risale all'undicesimo secolo. Due cinte murarie difensive proteggono la torre:La cinta esterna, coronata da merlature e rafforzata da torrioni angolari, faceva già parte del primo girone di mura costruito a difesa della cittàLa cinta interna è invece la più antica. Accessibile tramite un ingresso sopraelevato, rinchiude in sé la Torre Campanaria, la Torre della Penna e gli alloggiamenti delle legioni, tramutati in seguito in carceri.La torre ha pianta pentagonale e non ha fondazioni in quanto poggia direttamente sulla roccia del monte. Uno stemma barocco della Repubblica, trasportato dal vecchio Palazzo Pubblico, orna la porta d'ingresso mentre nel cortile ospita alcuni pezzi di artiglieria, due mortai donati dal re Vittorio Emanuele II e due cannoni con i quali la Guardia di Rocca spara a salve durante i giorni di festa, dono di Vittorio Emanuele III.

Museo della Civiltà Contadina e delle tradizioni della Repubblica di San Marino

Il museo si trova in una casa di Fabrica, una casa patronale del '700 presso San Marino città ed è gestito dal Consorzio Cooperativo Agricolo Terra di San Marino, è stato aperto nel 2009 e riscostruisce una casa rurale sammarinese di inizio '900.

Museo dello Sport e dell'Olimpismo

Il Museo dello Sport e dell'Olimpismo è un museo inaugurato il 22 maggio 2006 dal presidente del CONS Angelo Vicini alla presenza dei Capitani Reggenti Gianfranco Terenzi e Loris Francini, il vice presidente del Comitato Olimpico Internazionale Nikolaou Lambis, il vice presidente del Comitato Olimpico Europeo Alexander Kozlovsky, il segretario generale del CONI Raffaele Pagnozzi, il Segretario di Stato allo Sport Paride Andreoli e i rappresentanti del CONS guidati dal preidente Vicini con il vice presidente Stefano Valli e il segretario generale Fabrizio Stacchini ed era presente l'ex calciatore juventino e della nazionale sammarinese Massimo Bonini che ha donato nello stesso giorno due maglie della Juventus, il museo è visibile su prenotazione

Museo Maranello Rosso

Maranello Rosso è un museo automobilistico di San Marino.Fondato nel 1989 dall'imprenditore romano Fabrizio Violati, quale museo dedicato alle vetture Ferrari, la collezione è stata arricchita, nel 2000, con 40 modelli di produzione Abarth.La sua sede di circa 3000 m2 e comprende le aree espositive Ferrari ed Abarth, oltre alla sala congressi ed alla zona di vendita dei gadget.I temi portanti della esposizione sono lo stile, l'evoluzione della tecnica e la storia di vari protagonisti nel campo dell'automobilismo sportivo.